Vai menu di sezione

100 anni dal termine della fine del conflitto mondiale

Consiglio comunale informale per la PACE

Deposizione corona nella piazzetta Rizzi, interventi degli storici sulla Grande Guerra

A cent’anni dall’armistizio e su proposta del Coordinamento dei Presidenti del Consiglio Trentini è stato fissato a Volano per sabato 3 novembre alle ore 16.00, presso la sede di Via Santa Maria,  il Consiglio Comunale informale aperto a tutta la cittadinanza. L’ordine del giorno della seduta, convocata dalla Presidente Anna Tovazzi, prevede come primo punto la trattazione del tema ‘Fare Pace’ e l’impegno che la comunità volanese vorrà assumere nell’istituire ogni anno, nel mese di novembre, una ‘Giornata per la pace’ coinvolgendo la popolazione, le istituzioni scolastiche e le numerose associazioni presenti sul territorio.

A cento anni esatti dalla fine di quel conflitto, per onorare la memoria e le vicende umane di coloro che lottarono e morirono con grande umiltà e generosità per la nazione, si vuole focalizzare l’attenzione su quel patrimonio di valori ideali e di virtù civiche lasciate a noi in eredità e che vogliamo trasmettere ai giovani, in primis il valore della pace.

Saranno trattati i temi oggetto della Dichiarazione universale dei diritti umani, degli articoli della Costituzione Italiana e sottolineata la necessità che ogni istituzione di ordine e grado promuova delle azioni volte a salvaguardare la dignità e i diritti umani e si schieri contro ogni violenza e ingiustizia ancora oggi perpetrata verso le persone più vulnerabili e deboli.

Dopo aver esposto la mostra ‘Donne in Guerra’ in occasione dell’evento Notte Rosa di settembre, sarà riservato un ricordo alle donne, mamme, moglie e ragazze impegnate a gestire l’economia familiare in assenza degli uomini partiti in guerra e ad animare manifestazioni di protesta a sostegno delle ragioni di quel terribile conflitto. Presso la sala, simbolo della comunità, sarà infatti fissata una targa commemorativa da parte della Sindaca Maria Alessandra Furlini.

La seduta del Consiglio sarà preceduta dalla deposizione di una corona di alloro nella Piazzetta Rizzi, situata difronte alla sede municipale di Via Santa Maria, a ricordo del medico condotto Candido Rizzi. Presidente della Lega Nazionale (filo-italiana) e irredentista, nell’aprile del 1915 Rizzi lasciò il paese di Volano dopo ben 11 anni di condotta medica; la sua storia è connessa al primo conflitto con il suo arresto avvenuto il 24 giugno 1915 per motivi politici e perché considerato ‘fanatico irredentista’. Pochi mesi dopo per l’intercessione dei medici dell’ospedale militare di Trento ottenne una libertà provvisoria, ma al suo posto venne arrestata la figlia Bice con la successiva condanna all’ergastolo.

La piazzetta conosciuta nel tempo come “Spiaz dei Simonini” fu intitolata al dott. Candido Rizzi per mantenere il ricordo di questa dolorosa vicenda.

La storia dettagliata sarà oggetto dell’intervento da parte di Umberto Moientale storico e appassionato, presidente della Commissione cultura, unitamente al contributo dello storico Vincenzo Calì dopo il Consiglio comunale.

Enrico Tovazzi, storico volanese e attivo collaboratore per la sezione ‘Storia e personaggi’ del sito comunale, ha concesso la pubblicazione di minuziose ricerche suddivise in capitoli in cui potremo trovare anche i nomi dei nostri nonni e bisnonni vissuti nel periodo bellico.

Posizione GPS

Come arrivare

torna all'inizio del contenuto
Pagina pubblicata Giovedì, 25 Ottobre 2018 - Ultima modifica: Venerdì, 26 Ottobre 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto