Vai menu di sezione

Perchè il 'Libro della Memoria'

Siamo convinti che ogni Comune dovrebbe fare memoria di tutti i propri cittadini indipendentemente da ciò che hanno fatto o rappresentato pubblicamente per la Comunità.

Non sempre, infatti, una “grande” persona deve necessariamente passare per le aule istituzionali o per le pagine dei giornali. Infatti, per una Comunità - come per una famiglia - chiunque è (o dovrebbe essere) importante per quello che lascia a chi verrà dopo di lui. Anche il celebre poeta Kahlil Gibran scriveva che “Il valore di un uomo si misura dalle poche cose che crea, non dai molti beni che accumula”, intendendo con ciò che talvolta viene dato valore alla celebrità e al potere senza che essi siano del tutto meritati.

Purtroppo sappiamo che non sempre è così perché ci sono scomparse “eccellenti” di cui le cronache si occupano a lungo spendendo parole a volte eccessive, e morti di persone umili di cui i giornali non si interessano minimamente. Persone semplici che, tuttavia, un ruolo lo hanno avuto e sono state apprezzate non tanto nella “grande” Comunità, quanto piuttosto nell’ambito di una comunità più “piccola” come può essere la famiglia, il luogo di lavoro, un’associazione.

La proposta - l’unica finora del genere di cui abbiamo conoscenza - è dunque quella di ricordare tutti i nostri concittadini che purtroppo via via, nel tempo, vengono a mancare. Vogliamo farlo onorando la loro memoria con uno strumento moderno come il sito web comunale che oltre ad offrire aree tematiche di servizio e di informazione, ora aggiunge anche una sezione apposita - che abbiamo chiamato “Il Libro della Memoria” -  con foto e schede biografiche dei nostri concittadini defunti. Un’idea che vuole dare uguale valore a tutti, facendo di Volano il primo “Comune riconoscente” attraverso una grande ed eterna memoria collettiva.

Nb. Tutto il materiale fornito volontariamente dai congiunti, attraverso un’apposita liberatoria, sarà sottoposto al vaglio delle leggi vigenti in materia di privacy.

Un'idea di Maurizio Panizza

Pagina pubblicata Mercoledì, 14 Marzo 2018

Valuta questo sito

torna all'inizio del contenuto